Cerca nel sito:

Baldios in 3d

Di Gianluca Panebianco, Data di pubblicazione: 25 Maggio 2001, Ultimo aggiornamento: 25 Maggio 2001

I modelli 3d

Baldios: per realizzare questo modello ho impiegato circa 3 o 4 giorni (lavorandoci circa un paio d'ore la sera), realizzando tutte le parti da zero. ovvero senza riciclare pezzi di altri robot, ad eccezione degli occhi, che sono gli stessi di Gundam (leggermente modificati).
Il modello e' composto da 16.890 poligoni (quad), di cui 5.181 per la sola testa.
Per ora al modello e' stato applicato solo un texturing procedurale composto da fractal noise su due livelli distribuiti sui canali di colore, specular, reflectivity e bump, per un totale di 25 differenti surfaces.

Il modello 3D e le immagini sono state realizzate nel maggio 2001.

Il Robot

Baldios viene creato sulla Terra nella base segreta Blue Fixer dalla professoressa Quinstein. Utilizzando la medesima tecnologia del Pulser Burn di Marin, vengono progettati e realizzati due nuovi mezzi: il Baldiprize e il Cater Ranger, in grado di volare ma soprattutto di trasformarsi nelle gambe del robot Baldios (formato per la parte superiore dal Pulser Burn).
Baldios e' alto circa 100 metri e pesa 900 tonnellate. La caratteristica prinicpale e' la possibilita' di spostarsi nel subspazio, permettendogli di compiere viaggi in una "dimensione parallela" nella quale trova spesso rifugio l'esercito di Aldebaran.

La storia

S-1, primo pianeta in orbita intorno alla stella Saul, distante 33.000 anni luce dal centro dell'universo, un pianeta bruciato dalle radiazioni, dove gli uomini sono costretti a vivere nel sottosuolo. Mentre gli scienziati si sforzano per costruire un dispositivo di depurazione, il dittatore Theo Gattler decide di abbandonare quel mondo morente e intraprendere un viaggio di 20.000 anni luce verso un nuovo pianeta che sostituisca S-1. Per compiere raggiungere il suo scopo, ordina di assassinare tutti gli scienziati che si erano opposti a questa decisione: tra questi c'e' il professor Reigan, ucciso sotto gli occhi del figlio Marin
Questi per vendicarsi, salta a bordo del Pulser Burn e si getta all'inseguimento della flotta di Gattler.
Vittima di una distorsione temporale, Marin viene catapultato nella Terra del XXII secolo, proprio mentre l'esercito imperiale di S-1 (l'armata Aldebaran) ha iniziato a sferrare i suoi attacchi : la Terra è il pianeta che Gattler aveva designato per sostituire S-1.
Marin, che era stato costretto ad un atterraggio di fortuna sulla Luna, viene salvato e portato sulla Terra nella base segreta Blue Fixer, un base il cui scopo è l'addestramento di personale specializzato per difendere la Terra. La base è comandata dal comandante Johnathan Bannister, che si avvale della preziosa collaborazione della scienziata tedesca Era Quinstein (figura femminile lucida e forte, incrollabile punto di riferimento della base Blue Fixer e dei suoi piloti irruenti ed emotivi).
Alla base Blue Fixer vi sono poi i piloti Raita Hokuto, Jamie Hoshino e Jack Oliver. Tuttavia, Marin viene guardato con sospetto perchè considerato una spia aliena, e nonostante il ragazzo si offra volontario per combattere dalla parte della Terra, non riesce ad ottenere la fiducia di Raita e Oliver.
Nel frattempo, i terrestri sono in grande difficoltà: gli alieni, infatti, posseggono una schiacciante superiorità tecnologica, che permette ai loro mezzi di volare nella quarta dimensione (o subspazio), rendendoli così invisibili e irraggiungibili fino all'istante in cui si materializzano improvvisamente in prossimità dei loro obiettivi.
Tra i nemici, una figura di gramde importanza in tutta la serie e' quella di Aphrodia, comandante supremo dell'esercito di S-1 e che odia Marin dal giorno in cui questi uccise suo fratello Milan (Milan, a sua volta, aveva appena ucciso il padre di Marin).
Per contrastare gli alieni, la professoressa Quinstein decide di applicare la tecnologia del Pulser Burn di Marin, e facendolo combinare con i mezzi pilotati da Raita e Oliver (il Baldiprize e il Cater Ranger, da lei stessa progettati) riesce a costruire un possente robot in grado di volare nel subspazio : Baldios. Nonostante le riserve iniziali di Oliver e Raita, Marin è l'unico in grado di pilotare il Baldios, e grazie al suo valore in battaglia riesce finalmente a guadagnarsi la fiducia dei suoi compagni.

[ per il testo relativo alla storia. ringrazio di cuore Graziano (ro)bozzy Caruso: altre info sulla sua Baldios Homepage ].



Guarda altre gallerie e renderings sugli Anime robots in 3d





Inserisci il tuo commento