Cerca nel sito:

Blog

Di Gianluca Panebianco, Data di pubblicazione: 8 Novembre 2011, Ultimo aggiornamento: 8 Novembre 2011

Le stampanti 3d si stanno diffondendo a macchia d'olio tra gli appassionati negli ultimi anni, grazie al fatto che i pezzi stampati possono trovare moltissime applicazioni, non solo per la propotipazione rapida, ma anche per realizzare autonomamente pezzi di ricambio per riparare l'elettrodomestico preferito o ancora per stampare il proprio personaggio dei cartoni animati preferito, magari realizzato in 3d in maniera autonoma.
Come per tutte le nuove tecnologie, man mano che passano gli anni il costo necessario per aggiudicarsi il device dei nostri sogni scende, e nello stesso tempo la qualità aumenta.
In pratica oggi è possibile acquistare ad un prezzo tutto sommato accessibile una stampante che ci potrà dare delle grandi soddisfazioni.
Ad oggi, tuttavia, l'economicità delle stampanti 3d significa anche cedere a qualche compromesso.

In passato ho realizzato diversi lavori da stampare in 3d - nel mio sito ho inserito ad esempio il mio lavoro personale con la tazza da latte ("mug") a forma di testa di Jeeg Robot, oppure la modellazione 3d per HL Pro di una statua di 50cm di Mazinga Z. In tutti questi progetti mi sono sempre limitato a realizzare il modello ottimizzato per la stampa 3d.
Ora invece vorrei anche io entrare nel mondo dei "makers", di tutti coloro che "si sporcano la mani" con la stampa 3d usando le stampanti 3d e tutte le problematiche che ne derivano.
Seguite questo articolo se vi interessa l'argomento...

Cosa è necessario per Stampare in 3d

In linea generale sono sufficienti due cose: un file 3d da stampare, ed una stampante 3d.

E' possibile procurarsi il file 3d realizzandolo da soli, scaricandolo online (ci sono diversi siti web da cui è possibile scaricare gratuitamente modelli 3d ottimizzati per essere stampati in 3d), oppure ancora fancedolo realizzare ad una persona (nel caso vi serva un oggetto specifico).

Per la stampa effettiva potete rivolgervi ad un service di stampa 3d, cioè un negozio a cui porterete il vostro file da stampare: ne esistono molti sia online sia fisici in molte città anche italiane. In alternativa per la stampa 3d potrete utilizzare una stampante 3d casalinga... ho effettuato diverse stampe 3d in passato, ma sempre utilizzando service online. Da poco ho deciso di acquistare una stampante 3d ed addentrarmi in questo fantastico mondo

Con questo articolo vorrei presentare le migliori stampanti 3d entry level da acquistare nel 2019 (e fine 2018), con i relativi pro e contro. Dal momento che vogliamo presentare solo le soluzioni entry level, mi limiterò ad elencare quelle sotto la soglia dei 500 euro.

Creality Ender 3

E' la più economica del gruppo, anche se condivide molte caratteristiche tecnologiche del resto del gruppo. I suoi punti deboli rispetto alle altre "sorelle" sono la dimensione massima di stampa, più piccola (20x20x30cm), il fatto che viene consegnata smontata in più pezzi (quindi richiederà tempi un po' più lunghi per il montaggio e maggiore attenzione nelle varie fasi, anche quelle di calibratura). Pero' costa anche 200 euro di meno. Nel link la trovate in vendita a meno di 220 euro, con spedizione (gratuita) effettuata da Amazon. https://amzn.to/2RxKMln

Creality Ender 3 Pro

E' la versione aggiornata della ender 3, con alcune caratteristiche migliorate: l'asse Y, quello che muove il piatto, più largo (e quindi più stabile) e l'alimentatore di marca per dare maggiore affidabilità sono le peculiarità principali, oltre al piatto magnetico, ma a detta di molti non dà grandi vantaggi alla stampa. Viene venduta a poco meno di 250 euro: https://amzn.to/2SHDjk3

 

Creality CR-10

Ha una dimensione massima di stampa maggiore (30x30x40cm) rispetto alla Ender 3, alcune parti in metallo / alluminio in più che la rendono più robusta ed affidabile, e per i poco esperti, viene consegnata già preassemblata in molte sue parti, quindi le procedure di montaggio saranno molto ridotte rispetto alla Ender 3, rendendo più facili le procedure preliminari. Ricordate che le sue dimensioni non sono proprio ridotte. Costa €350: https://amzn.to/2PngwrK

Creality CR-10S

E' la versione migliorata della CR-10, con un firmware più aggiornato, un doppio asse-z, un rivestimento sottostante il piatto che ne aiuta lo scorrimento ed il riscaldamento (arriva prima alla temperatura impostata e dovrebbe mantenerla più costante). Tra le quattro è il modello migliore, e per questo il costo è un po' superiore. Costa €396 : https://amzn.to/2BRaN9X

Creality CR-20

Delle quattro è il modello più recente, ma dalle prime reviews, sembra non apportare grosse migliorie alla qualità (già piuttosto buona, tra l'altro) degli altri modelli. Il costo pero' è maggiore, e la dimensione massima di stampa è inferiore alla CR-10 (solo 22x22x25cm). Costa € 350: https://amzn.to/2DZ9iYM

Tutte queste stampanti sono (scusate il termine prettamente motoristico) "naked", cioè non hanno un contenitore ma sono completamente scoperte: questo significa che mentre il piano è in movimento dovrete fare attenzione che abbia lo spazio sufficiente per spostarsi, a non toccarlo accidentalmente. Inoltre, cosa ancora più importante: durante la stampa le plastiche vengono "sciolte" producendo dei fumi tossici. Ricordate di arieggiare al meglio la stanza. Inoltre, queste stampanti soffrono maggiormente delle modificazioni dell'ambiente esterno: ad esempio se d'inverno doveste aprire la finestra abbassando di molto la temperatura della stanza, la stampa potrebbe subire dei problemi ed il risultato potrebbe non essere quello desiderato. Considerate, comunque, che queste stampanti sono tra le più vendute per il loro rapporto prezzo-qualità di stampa - affidabilità e troverete in rete moltissimi tutorial, forum di supporto e gruppi facebook per risolvere qualsivoglia problema.

FlashForge Finder

Il vantaggio di questa stampante rispetto alle altre è che è "boxed": arriverà già montata e già "quasi" pronta per la vostra prima stampa (comunque dovrete tararla), inoltre avendo una "scatola" esterna riesce a gestire al meglio le temperature di stampa. Lo svantaggio è che le dimensioni di stampa sono più piccole rispetto alle concorrenti (14x14x14cm). Costa €315: https://amzn.to/2BODWCG

Anycubic Photon

A differenza delle altre stampanti 3d che utilizzano come materiale il PLA (un materiale plastico biodegradabile), questa Anycubic Photon stampa in resina, con risultati ottimi. Arriva già asseblata ed è boxed (il piatto, la testina ed il materiale di stampa sono chiusi all'interno di un "box". Il formato di stampa è pero' piuttosto ridotto, solo 11,5x6,5x15,5cm. Ideale per chi cerca alta precisione per oggetti di piccole dimensioni. Ricordate che la resina per questa stampante costa mediamente di più del PLA per le altre stampanti 3d che abbiamo presentato in questo articolo. La Anycubic Photon costa €550: https://amzn.to/2QyerNZ

Conclusioni

Abbiamo visto le migliori stampanti 3d entry level da acquistare a fine 2018 e all'inizio del 2019: Le vincitrici sono due: - Creality Ender 3: è la soluzione ideale per chi vuole spendere il meno possibile, ha poco spazio in casa, e non necessita di stampe di grandi dimensioni. Insomma la vera entry level. Consigliabile però avere una buona dimestichezza con il montaggio dei componenti oppure un po' di pazienza.

La mia scelta

Personalmente ho optato per la Creality CR-10S: rispetto alla Ender 3 ha una affidabilità leggermente superiore, meno problemi di configurazione, settaggi e montaggio poichè le parti da assemblare sono di meno della Ender. Inoltre stampa a dimensioni maggiori (ho qualche progetto in mente con stampe abbastanza grandi) e viene fornita già con un piano in vetro temperato. Altri motivi che mi hanno spinto a questa soluzione sono il fatto che sia la scheda madre che l'alimentatore sono separati dal resto della struttura (dalla testina e dal piano). Questo secondo me è importante perchè una cosa da considerare quando si acquista una stampante 3d è la sicurezza e la salute: i filamenti ed i materiali con cui si stampa sono quasi tutti cancerogeni o comunque pericolosi per la salute: è buona norma posizionarli in locali arieggiati. Molti makers creano dei box per le stampanti creality, ma le parti elettroniche (appunto scheda e alimentatore) è consigliabile tenerle fuori. Questo non è possibile "di default" con le Ender 3.

Presto preparerò un articolo completo su questa stampante 3d di alcune stampe di prova.

Continua a leggere "Guida alle stampanti 3d entry level (2019)"...

Giant Robot in 3d

Il modello di Giant Robot in 3D è stato iniziato nel 2002 e, dopo una lunga pausa, ripreso e completato nell'aprile/maggio 2005.
Il modello 3d è stato realizzato quasi completamente in sub patches.





Guarda altre gallerie e renderings sugli Anime robots in 3d



Continua a leggere "Giant Robot in 3d"...

Dopo quella che ho pubblicato nel 2016, anche quest'anno vi propongo la mia personalissima lista di eventi, corsi e congressi da poter seguire nel corso di questo 2017.

Qui troverete tuttavia solo eventi che riguardano l'Italia, dal momento che per il nostro paese non esistono liste di questo tipo. Gli eventi riguardano principalmente argomenti relativi al web marketing (SEO, Web Marketing, Email Marketing e Social web marketing), anche alla programmazione - jquery, php - o alla grafica in generale (Unity, UX-Design, 3d, stampa 3d) fino all'animazione ai videogames ed agli eventi che svolgono il ruolo di incubatori per startups, che si terranno in Italia nel corso del 2017.

Continua a leggere "Eventi, corsi e workshops su web marketing, sviluppo web, ux design, 3d e animazione in Italia nel 2017"...

In questa pagina potete visionare uno dei progetti in cui sono stato coinvolto come 3d artist per la realizzazione di un Anime Super Robot in una produzione con licenza ufficiale.

Il cliente - High Dream Corporation, società giapponese che realizza giocattoli, modellini e merchandising dietro licenza fin dal 1997 - mi ha voluto come 3d artist e parte del suo team di professionisti coinvolti nella realizzazione di questo progetto.


Questa foto mostra il prodotto finale del Super Robot Anime giapponese:
l'altezza totale della statua è di 50cm

Attualmente la statua è disponibile per l'acquisto come "fine art cold cast statue", in edizione limitata (solo stati prodotti solo 200 pezzi), e con una serie di caratteristiche che la rendono un prodotto per collezionisti, come:

  • Altezza totale 50cm,
  • Peso complessivo 7kg,
  • La statua è fornita di una serie di led per avere degli effetti di luce su alcune parti;
  • Ogni statua viene venduta con un Serial number che ne indica l'unicità.
Continua a leggere "Realizzazione come 3d artist di una statua alta 50cm di un famoso Super Robot Giapponese, per collezionisti in edizione limitata"...

27 ottobre 2016, ore 15:30 - Viewconference 2016, Torino. Akili è una società statunitense che ha l’obiettivo di studiare l’effetto terapeutico dei videogiochi in persone affette da malattie cognitive, come l’autismo, l’alzheimer, ecc.

Hanno sviluppato negli ultimi anni alcuni “videogames terapeutici”, appunto per cercare di curare questo genere di malattie, ma non solo. Ci spiegano che il loro approccio si basa sul fondamento per il quale, oggi, facciamo molto per il nostro benessere fisico: wellness, attività fisica, sport, ma in generale non facciamo nulla per sviluppare il nostro cervello che, se durante l’arco della giornata fa sempre le stesse cose, si rilassa. Spesso per incrementare le nostre prestazioni cerebrali utilizziamo dei farmaci, delle molecole che aumentano l’efficienza o la capacità mentale, ma questo tante volte non basta, o può in alcuni casi essere dannoso e controproducente.

Continua a leggere "Neuroscienze e videogiochi, a New Class Medicine (by Akili)"...

26 ottobre 2016, ore 18.30 - Viewconference, Torino. Questo talk è stato tenuto da Ryan Tudhope, VFX Supervisor per il film Deadpool e cofondatore dello Studio Atomic Fiction.

Tutti gli shots sono stati renderizzati con Conductor (www.renderconductor.com), un servizio di cloud-based rendering del quale si sono avvalsi soprattutto negli ultimi 2 mesi, in cui hanno realizzato il 70% dei renderings totali, addirittura il 20% in una sola settimana, usando in media 32.000 cores.

Continua a leggere "Decostruire la scena d’apertura di Deadpool"...

28 ottobre 2016, ore 17:30 - Viewconference 2016, Torino. Più che presentare l’ultimo film di animazione su cui ha lavorato, Conrad Vernon (Co-regista in Sausage Party) ci racconta della sua carriera, a partire da quando era un ragazzino: la scintilla che ha fatto scattare in lui la voglia di avvicinarsi a questo mondo è stato all’età di 13 anni grazie al film di animazione “Heavy Metal”, o per meglio dire il suo trailer, dal momento che per anni la madre gli proibì di vederlo a causa delle molte scene di nudo o allusive.

Continua a leggere "Directing a Career, by Conrad Vernon (Sausage Party)"...

27 ottobre 2016, ore 16:30 - Viewconference 2016, Torino. Barry Meade, co-founder di Fireproof Games ci racconta il processo che ha portato alla creazione dell’azienda e della creazione del videogioco The Room, gioco dell’anno per iPad nel 2012. Barry ha un’esperienza di animatore nel settore dei videogiochi, sviluppatasi sopratutto all’interno del team di Criterion Games, lavorando soprattutto in videogiochi di guida come Burnout 3, Burnout 4, Burnout Pradise ed anche a Black. Con i suoi colleghi, si è creata una amicizia e una unità di intenti tale da decidere di lasciare il lavoro per intraprendere la strada solitaria fondando una nuova software house indipendente.

Continua a leggere "Realizzare “The Room” ed il perduto business dell’arte (Barry Meade, co-founder di Fireproof Games)"...

28 ottobre 2016, ore 9:00 - Viewconference 2016, Torino. In questo talk Karen Dufilho-Rosen - executive producer del team Google Spotlight Stories - ci presenta il video VR da loro realizzato e dal titolo Pearl, che può essere visualizzato con un qualunque visore per la realtà virtuale, come ad esempio Cardboard di Google (che potete trovare, tra le altre parti, nel Play Store o su Amazon).

Continua a leggere "Pearl by Google: progettare storie nei nuovi media (by Karen Dufilho-Rosen)"...

28 ottobre 2016, ore 10:00 - Viewconference 2016, Torino. Il Prof. Donald Greenberg può essere definito il padre della computer graphics. E’ lui con le sue ricerche, i primi test e le prime animazioni negli anni 60 ad aver aperto la strada al mondo del 3d come lo conosciamo al giorno d’oggi. Ancora oggi gli studi del professor Greenberg sono supportati e finanziati da moltissime aziende come ad esempio Microsoft, Pixar, Dreamworks, Valve, Oculus, e molte altre.

Continua a leggere "La storia della computer graphics del Prof. Donald Greenberg"...

< PRECEDENTE SUCCESSIVO >