Cerca nel sito:

Pearl by Google: progettare storie nei nuovi media (by Karen Dufilho-Rosen)

Di Gianluca Panebianco, Data di pubblicazione: 24 Novembre 2016, Ultimo aggiornamento: 24 Novembre 2016

28 ottobre 2016, ore 9:00 - Viewconference 2016, Torino. In questo talk Karen Dufilho-Rosen - executive producer del team Google Spotlight Stories - ci presenta il video VR da loro realizzato e dal titolo Pearl, che può essere visualizzato con un qualunque visore per la realtà virtuale, come ad esempio Cardboard di Google (che potete trovare, tra le altre parti, nel Play Store o su Amazon).

Il team in cui lavora Karen ha il compito di studiare e sperimentare le nuove tecnologie e - in questo esempio - come sia possibile creare delle nuove opportunità nell’ambito dello storytelling.

Il video è lungo circa 3 minuti, la durata di una canzone (che è la colonna sonora di tutto il video) e la maggior parte del tempo viene mostrato all’interno di una macchina, all’interno della quale un padre ed una figlia piccola di evolvono, crescono, cambiano i rapporti ed ad un certo punto i ruoli.

Un video molto emozionale, in cui l’utente è immerso nella storia perchè piazzato sul sedile del passeggero: così ha la possibilità di ruotare la testa e vedere cosa accade all’interno della macchina, osservare il guidatore, i passeggeri sul sedile posteriore, guardare fuori dal finestrino.

Karen si sofferma molto su come hanno studiato il design grafico, sempre alla ricerca del giusto compromesso stilistico che ben si abbinasse alla storia raccontata.

Una considerazione che a me personalmente sorge spontanea riguarda il fatto che: 1. Il video come ho già detto è molto emozionante e ben fatto e 2. A mio avviso la VR qui non è utile.

Quello che voglio dire è che in questa storia le inquadrature sono fondamentali, è assolutamente necessario per la comprensione della storia che l’utente osservi bene cosa accade, e questo potrebbe non accadere perchè il video scorre velocemente come un video musicale, cambiano le scene e se l’utente non ha visto una certa azione dei personaggi, beh si perderà qualcosa nella storia.

Pearl può essere visionato da tutti, dal momento che è disponibile su Youtube come video a 360°:

Questo è il mio personalissimo giudizio, che è valido per questa particolare storia; ovviamente siamo sempre nell’ambito della sperimentazione, quindi va bene qualunque cosa in questo momento, l’importante è provare, testare e vedere qual’è il feedback del pubblico. In fondo, come dice Karen Dufilho-Rosen, una regola che vige in Google - ma un po’ in tutta la Silicon Valley - è che “Il modo più veloce di fare qualcosa è farlo”. Voi che ne pensate?

Al termine della sessione si parla anche di un SDK (dove l’acronimo stavolta sta per Story Development Kit), ma attualmente è un software piuttosto complesso che è stato rilasciato in fase di testing solo ad alcuni studios.

Consigli per gli acquisti

Se sei appassionato di cg, animazione e 3d, e vuoi tenerti sempre aggiornato, potresti essere interessato a questi prodotti:

Playstation VR per PlayStation 4

Playstation VR + PlayStation Camera (Official Bundle per PlayStation 4)

Oculus Rift

Cardboard kit V2.0 Google Realtà Virtuale Occhiali 3D VR, QR code, compatibile con Smartphones Android Apple da 4-5,5"

Laserbeak VR BOX realtà virtuale Occhiali 3D per 3,5-6,0" Smartphone + Controller wireless Bluetooth

 





< Torna all'Indice del Viewconference 2016



Inserisci il tuo commento