Cerca nel sito:

Il futuro dei videogiochi, panel con diversi esperti

Di Gianluca Panebianco, Data di pubblicazione: 24 Novembre 2016, Ultimo aggiornamento: 24 Novembre 2016

28 ottobre 2016, ore 11:20 - Viewconference 2016, Torino. In questo panel hanno partecipato Siobhan Reddy (Studio Director di Media Molecule), Adam Gazzaley e Matt Omernick (rispettivamente Chief Science Advisor e Chief Creative Officier di Akili), Marco Mazzaglia (Video Game Evangelist di T-Union), Pietro Righi Riva (Co-fondatore di Santa Ragione).

In apertura si parla di Realtà Virtuale (il vero leit motif di questa edizione del Viewconference), Pietro Righi Riva dice che è un “casino”, nel senso che oggi che ormai si è raggiunto un alto livello nello storytelling, ora bisogna buttare tutto e reinventare nuovi standards e un nuovo approccio, un nuovo sistema di controllo… d’altra parte Siobhan Reddy si dice entusiasta perchè è affascinata dal processo del reinventare.

Poi la discussione passa al fatto che le nuove tecnologie - oggi la VR ma nel recente passato i mobile devices - aprono lo scenario dei videogames a nuovi target, come le donne e le persone mature. Mazzaglia ricorda come le donne siano fondamentali anche come game makers, per il loro modo di pensare e di approcciarsi ai problemi rispetto ai maschi, oltre a poter fare molte più cose che questi ultimi non possono fare. Riva concorda con Mazzaglia, dicendo che nel suo team ci sono oggi il 50% di donne. Siobhan Reddy si dice meravigliata di questa alta percentuale, sostenendo che le basterebbe che in un team di game makers ce ne fosse anche solo il 30%.

A livello di utilizzo dei videogiochi, comunque, è importante che questi siano entrati nella vita di molte donne, anche per poco tempo al giorno: Farmville è un chiaro esempio di questo tipo.

< Torna all'Indice del Viewconference 2016



Inserisci il tuo commento